Superare la “bufera” con Montale

Nel mese di maggio, gli studenti della 2A del Liceo linguistico, a coronamento del percorso sull’analisi del testo poetico, sono stati impegnati nel progetto “Video-poesie” di Montale. Una video-poesia è un prodotto costituito da un video in cui viene letta una poesia, mentre sullo schermo si susseguono immagini legate al contenuto del testo; si possono anche inserire effetti sonori o musica di sottofondo e, ancora, le parole del testo in sovraimpressione. I programmi per creare video-poesie sono i più vari ma, per facilità e immediatezza, molti componenti del gruppo si sono serviti di iMovie, per dispositivi Apple.

Perché la scelta è ricaduta su Montale? Negherei se omettessi la mia passione per il poeta ligure ma, oltre a concludere il “Profilo dell’autore” che ci ha visti leggere su Meet componimenti degli Ossi di seppa e de Le occasioni, la scelta è ricaduta su una poesia fortemente incentrata sugli oggetti (celeberrimo il saggio di Luigi Blasucci, dal titolo Gli oggetti di Montale) e sulla concretezza. Scriveva Montale nella sua Intervista immaginaria: «bisognava esprimere l’oggetto e tacere l’occasione-spinta» e parlare per oggetti è la caratteristica della poesia montaliana, che riprende da T.S. Eliot il concetto di objective correlative.

Il lavoro, a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, è stato condotto interamente a distanza, ma ha mostrato un buona collaborazione fra i componenti dei gruppi per la creazione del prodotto, avvenuta a diversi passi: divisione della poesia in sequenze, registrazione delle parti a opera dei singoli componenti, scelta di immagini esplicative, assemblaggio con musica di sottofondo. Ognuno ha contribuito alla realizzazione della video-poesia nelle modalità che meglio lo valorizzavano: guidando i componenti del gruppo all’analisi approfondita della poesia assegnata, scegliendo immagini evocative, indicando parole-chiave da inserire in sovra-impressione, oppure adoperandosi per la trascrittura della poesia in sincronia con la recitazione. Da menzionare il lavoro di assemblaggio-video condotto da Martina Belingheri, Lorenzo Remondi e Rudy Ottelli, che si sono distinti per le loro competenze di grafica e, come dei centravanti d’area, hanno concretizzato il lavoro dei compagni del gruppo!

È stato comunque un modo per sentirsi meno lontani, con le parole di Montale, cercando di superare questa “bufera” del coronavirus, per usare l’espressione presente nella terza raccolta montaliana, che ci ha travolti sì, ma che, forse, con la tenacia e lo spirito di adattamento di Mosca, l’amata Drusilla Tanzi, stiamo cercando di superare.

Lascio ora la parola ai ragazzi, alle videopoesie, seguite dalle loro considerazioni, criticità e difficoltà, a partire dagli alunni che hanno affrontato le poesie degli Ossi di seppia e de Le occasioni.

Prof. Matteo Zenoni

E. Montale, I limoni, in Ossi di seppia

https://drive.google.com/open?id=1aj3uarO5OEFmBJLQze9QFZaFAc71avYv

Con questo progetto, credo si sia concluso al meglio il nostro percorso sulle poesie di Eugenio Montale. Come prima cosa, lavorare di gruppo (come sempre) ha reso lo studio più piacevole e vario. In questo caso, analizzando e lavorando su un’unica poesia, abbiamo potuto, anche collettivamente, approfondirla e analizzarla maggiormente e, creando un video, abbiamo avuto anche la possibilità di renderla “nostra”. In questo modo, inoltre, credo che le cose studiate e imparate rimangano più a lungo, quindi penso che, sebbene sia stato un lavoro più divertente rispetto allo studio individuale, sia stato un lavoro molto efficace. Inoltre, non è da sottovalutare il fatto che lavorando con nuovi programmi per l’editing del video, lo studente abbia acquisito competenza che magari prima non possedeva. Ritengo quindi che sia sempre positivo sperimentare nuovi lavori o progetti come questo, sia per variare che per imparare sempre più cose (Rudy Ottelli, creatore del  video de I limoni)

Credo che questo lavoro ci abbia fatto comprendere che, anche da lontano, abbiamo potuto creare un progetto che ci ha permesso di interagire come compagni quando senza uno scopo comune non l’avremmo fatto; ci ha fatto imparare un autore da molti ritenuto “inutile da studiare”, con un metodo nuovo e in maniera più personale e originale (Elena Ducoli).

Ho trovato questo lavoro di poesia originale e pratico. Abbiamo avuto la possibilità di lavorare insieme nonostante la lontananza e siamo riusciti a comprendere al meglio le poesie dell’autore e a concludere il lavoro in modo ottimale (Giorgia Baiguini).

Il progetto della videopoesia è stato un ottimo modo per terminare il percorso iniziato analizzando i testi di Montale, infatti ci ha permesso di provare ad analizzare e comprendere meglio i testi dell’autore che stavamo studiando. Tutti si sono messi in gioco e il risultato finale è davvero soddisfacente (Giorgia Palazzolo).

E. Montale, Casa sul mare, in Ossi di seppia

https://drive.google.com/open?id=1CnxfJAqnrB92U0r2FmhfXm8CccwOPCFC

Ho trovato questo lavoro sulla video poesia un modo molto efficace e alternativo per studiare un autore complesso come, nel nostro caso, Eugenio Montale, evitando però di spiegarlo in maniera “pesante”. Infatti, con questa modalità, è stato possibile conoscere Montale attraverso l’analisi è l’approfondimento dei suoi testi. Chiaramente, far combaciare la musica con le nostre voci e far scorrere, allo stesso tempo, le immagini inerenti alla poesia sullo sfondo, non è stato semplice, però il risultato finale è stato davvero appagante. Inoltre, è stato abbastanza complicato collaborare con i compagni poiché siamo stati costretti a lavorare a distanza, però siamo riusciti comunque a comunicare e anche a svolgere un buon lavoro.  Credo che questo lavoro sulla video poesia sia stato molto interessante, poiché è stata un’attività diversa dal solito e particolare. Ha rappresentato stato anche un modo per collaborare nonostante la distanza. inoltre abbiamo avuto modo di comprendere ed analizzare una poesia in una maniera differente, che ho trovato originale e coinvolgente (Martina Belingheri, creatore del video della poesia Casa sul mare).

E. Montale, Buffalo, in Le occasioni

https://drive.google.com/file/d/1VWd3qrM6LgIIwDyDcLpQrOHk91AlaGBx/view?usp=sharing

Ho trovato questo progetto molto originale e studiato bene. Non abbiamo solo fatto “lezioni frontali” con spiegazioni teoriche di Montale, ma si è creato un progetto in grado di coinvolgere tutti, anche chi in classe è più timido. Il progetto non è risultato per niente pesante, anzi è risultato molto piacevole. Sicuramente non è stato semplice assemblare un video a partire da una poesia, sia per la scelta delle immagini, sia per il modo di esposizione della poesia. Penso che questo progetto abbia delle grandi potenzialità, perché permette di approcciarsi alla poesia, che a volte può risultare noiosa, in un modo differente. É stato un bel modo per concludere il percorso su Montale (Lorenzo Remondi, creatore del video di Buffalo).

Ho ritenuto questo lavoro della videopoesia molto originale e per niente stancante. E’ stato un ottimo modo per concludere l’anno scolastico e per conoscere meglio Montale, anche se sarebbe stato più piacevole farlo in classe poichè i video sarebbero potuti essere più ricchi. Si è dimostrato il lavoro di squadra presente anche in gruppi scelti dal professore; è stato un modo diverso di leggere una poesia (Wendy Rista).

Secondo me questa nuova iniziativa, della video poesia, è stato un ottimo modo per concludere il nostro percorso scolastico su Montale; inoltre questo lavoro ci ha messo tutti in gioco perchè ognuno di noi all’interno del gruppo ha aiutato, chi di più chi di meno (Rebecca Fenaroli).

… Continua

 

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...